IL PETTIROSSO - storie di viaggi brevi e lunghi e di un colore che rosso non è… PARTE SECONDA

Torniamo a parlare del Pettirosso ma questa volta vogliamo raccontarvi una serie di curiosità inerenti a questo simpatico passeriforme che ci accompagna nel periodo autunno-invernale.
Nel folklore di tutta Europa rappresenta la stagione fredda (l’autunno e soprattutto l’inverno) e nella cultura dei popoli nordici il Pettirosso veniva associato al dio Thor. Un mito legato alla culto cristiano invece vuole che il petto aranciato di questo uccellino derivi dal sangue di Gesù Cristo: il Pettirosso, originariamente colorato solo di un mesto marrone, avrebbe tentato di liberare il Cristo dalle spine della corona che cingeva il suo capo e così facendo, rimase macchiato sul petto, assumendo la tipica e appariscente colorazione che tutti ben conosciamo.
Chopin compose il tema principale della 'Grande polonaise brillànte', ispirandosi all’articolato e melodioso canto del Pettirosso.
In tutto il continente europeo poi ci si riferisce a questa specie con appellativi molto simili, in cui compare sempre il termine 'rosso':
Italiano: pettirosso.
spagnolo: petirrojo (rojo – rosso).
Greco: κοκκινολαίμης (κόκκινος – rosso) – (si leggono rispettivamente kokkinolaímis e kokkinos)
Francese: rouge-gorge (rouge – rosso).
Olandese: roodborstje (rood -rosso).
Tedesco: rotkelchen (rot – rosso).
Finlandese: punarinta (punainen – rosso)
Inglese: oggi 'robin' ma in passato 'robin redbreast' (petto rosso).
È tuttavia ben evidente che il colore in questione non sia affatto rosso bensì arancione! Ma allora quale puó essere il motivo di questo diffuso ostracismo nei confronti del suddetto colore a favore del rosso?
Sembra che il colore arancione in Europa fosse poco noto e non distinto chiaramente dal rosso, almeno fino al XVI secolo. Solo con l’importazione prima (XIV secolo in Portogallo) e la coltivazione dell’Arancio nel continente poi, l’arancione venne riconosciuto e distinto come colore a sé stante. Lo stesso termine 'arancione' deriva etimologicamente proprio dall’arancia, frutto di origine asiatica fino ad allora quasi del tutto sconosciuto agli europei.

PETTIROSSO AMERICANO
Per i Nordamericani 'Robin' è un uccello dal vistoso petto aranciato ma assai diverso dal pettirosso europeo: Si tratta di Turdus migratorius, un Turdide parente del merlo e dei nostri tordi molto appariscente che, come ricorda il nome scientifico, presenta uno spiccato comportamento migratorio. L’attribuzione del nome pettirosso – robin anche a questa specie, ha generato nel tempo una lunghissima sequenza di scambi di identità e di errori grossolani, il più curioso dei quali venne commesso nel celebre film Disney 'Mary Poppins' in cui compaiono due uccelli impegnati a nutrire la prole al nido e citati come pettirossi (anche nella versione in lingua inglese) ma che a tutti gli effetti erano due esemplari di Turdus migratorius. Mary Poppins peró è ambientato nella Londra di inizio ‘900, quindi i pettirossi in questione sarebbero dovuti essere quelli europei e non il colorato tordo americano!

I PETTIROSSI GIAPPONESI
Anche nel lontano oriente esistono uccelli a cui viene attribuito il nome 'pettirosso':
- Larvivora akahige (Pettirosso giapponese o komadori) un tempo ritenuto un parente asiatico del pettirosso europeo (Erithacus rubecula) ma ora attribuito a un genere completamente diverso (Larvivora) che ha legami più stetti con altre specie tipicamente orientali (pettirosso blu siberiano – Larvivora cyane) piuttosto che con il nostro pettirosso.
- Larvivora komadori (Pettirosso di Ryukyu), specie endemica dell’isola giapponese di Ryukyu il cui nome scientifico ha generato confusione nel tempo con il pettirosso giapponese, noto per l’appunto come 'Komadori'. Anche questa specie del Sol Levante venne inizialmente riferita al genere Erithacus ma oggi, accurati studi genetici hanno confutato questa ipotesi.

CURIOSITÀ BRITANNICHE
Il Pettirosso è un animale da sempre presente nella cultura e nel folklore anglosassone. È una delle figure simboliche del Natale, tanto da essere costantemente presente nelle cartoline augurali natalizie. Gli stessi postini che recapitavano la posta nel suddetto periodo venivano chiamati 'robin' forse anche per via della vistosa divisa rossa che indossavano (non arancione! la confusione cromatica continua).
Per gli inglesi il pettirosso è poi soprattutto una presenza costante nei giardini delle case ed un elemento irrinunciabile del paesaggio agreste e domestico anglosassone, tanto che nel XIX secolo vennero a più riprese tentate introduzioni massicce di questa specie nelle colonie inglesi in giro per il mondo.
In particolare, i maggiori sforzi si concentrarono in Australia e Nuova Zelanda, dove i coloni tentarono a più riprese di ricreare i paesaggi delle campagne inglesi (di cui evidentemente avevano nostalgia) introducendo specie tipiche delle brughiere inglesi. Nel caso del pettirosso per fortuna, le immissioni furono tutte fallimentari e nessun animale riuscì ad acclimatarsi e riprodursi. Simili e allo stesso modo fallimentari tentativi si tennero negli Stati Uniti (New York nel 1852 e Orengon tra il 1889 e 1892) e nel Canada (Columbia Britannica tra il 1908 e 1910).
Se l’introduzione forzata del Pettirosso non ebbe successo, lo stesso non si puó affermare per molte altre specie diffuse nel mondo dall’uomo in questo periodo storico. Ancora oggi, soprattutto in Oceania e in minore misura nel Nordamerica, sono evidenti i danni arrecati da queste attività.
Responsabili di quelle che oggi definiremmo vere e proprie 'follie ecologiche' erano le cosiddette 'Acclimatisation societies' inglesi (società per l’acclimatazione) o la francese Societé Zoologique d’Acclimatation, associazioni di volenterosi cittadini e notabili del tempo che desideravano, come già citato, ricreare gli ambienti e i paesaggi delle terre natie, introducendo in continenti lontani le piante e gli animali del proprio paese di origine. Allo stesso modo, queste organizzazioni si premuravano di diffondere le specie esotiche utili anche in Europa o nei loro possedimenti coloniali in altri continenti. Lo scopo era quello di massimizzare le produzioni alimentari, in un momento storico di crescita esponenziale della popolazione mondiale e della conseguente crisi economica e produttiva, senza tuttavia considerare gli effetti e i potenziali danni a medio e lungo termine che avrebbero subito gli ecosistemi e le stesse produzioni agricole tradizionali.
Il lavoro delle Acclimatisation societies generó gravi danni alla flora e fauna di molte aree del pianeta. Il disastro ecologico, come già citato, fu particolarmente evidente in Oceania, dove ci si rese presto conto che gli organismi di origine europea stavano soppiantando le forme di vita originarie generando talvolta rapide estinzioni di molte specie australiane e neozelandesi.
Forse è anche per questa ragione che tra i paesi del mondo, proprio l’Australia e la Nuova Zelanda, adottarono già a inizio ‘900 rigidissime normative per la riduzione e il controllo delle 'specie esotiche', ovvero organismi provenienti da altri paesi e che rappresentano potenziali minacce per gli equilibri ecologici locali.
Anche in Italia l’introduzione di organismi esotici ha creato nel tempo grandi problemi sia di ordine ecologico che economico. Nel nostro paese peró la sensibilità a questo tema fatica ad affermarsi e anche gli strumenti normativi non sono sempre stati adeguati, in passato, per affrontare efficacemente il problema degli 'esotici', la cui diffusione sul territorio puó essere spesso rapida e diventare incontrollabile se non fermata o gestita in tempi opportuni.
Per concludere, la prossima volta che osserverete un Pettirosso, lasciatevi trasportare dalla fantasia, chiudete gli occhi e viaggiate nel tempo e nello spazio (magari stringendo forte un ombrello in una mano e una vecchia borsa di pelle nell’altra), passando dal Canada, agli Stati Uniti, virando poi sul il Giappone per risvegliarvi infine nei panni di un Australiano della meta dell’800, avete un Pettirosso in mano e lo state per liberare…

Buon autunno a voi e ai Pettirossi!


Roberto Ostellino

Saluzzo, 5 dicembre 2017


Fonti
https://en.wikipedia.org/wiki/European_robin
http://www.rspb.org.uk/birds-and-wildlife/bird-and-wildlife-guides/bird-a-z/r/robin/threats.aspx
https://en.wikipedia.org/wiki/Acclimatisation_society
https://www.newscientist.com/article/mg13718574.800-review-moving-tales-of-fauna-and-flora-/
https://en.wikipedia.org/wiki/Japanese_robin
Encyclopedia of Biological Invasions
a cura di Dr. Daniel Simberloff,Dr. Marcel Rejmanek


Invia un commento








Inserisci a fianco il codice di sicurezza :      Codice di sicurezza

il 26 e 27 maggio raduno delle Guide Alpine a Crissolo

Sabato 26 e domenica 27 maggio si svolgerà a Crissolo (Valle Po, CN) il IX° Raduno delle Guide Alpine del Piemonte.
Una manifestazione organizzata da un Comitato di cui fanno parte il il Comune di Crissolo, il Gruppo Guide del Monviso, il Collegio Guide Alpine del Piemonte, la Pro Loco di Crissolo, l' ISCA Istituto Superiore di Cul

MaB UNESCO Monviso Youth Camp

Hai un’età compresa tra i 15 e i 19 anni?
Vivi o studi nella Riserva della Biosfera Transfrontaliera del Monviso?
Hai a cuore il territorio in cui vivi?
Allora sei pronto per il MaB UNESCO Monviso Youth Camp in programma dal 9 al 13 luglio 2018.
Il Parco del Monviso ed i suoi partners vogliono offrire un&rsq

Corso Cai per 60 futuri accompagnatori escursionistici

È iniziato lo scorso fine settimana il corso CAI interregionale a cui partecipano 60 aspiranti accompagnatori escursionistici e ciclistici, selezionati tra una rosa di oltre 130 provenienti da Piemonte, Valle d'Aosta e Liguria.
Il corso, strutturato, in cinque weekend, si è aperto a Crissolo con la supervisione del Cai Monviso

Abbazia di Staffarda: apertura straordinania ai dormitori dei monaci

Da anni tra gli obiettivi della proprietà Fondazione Ordine Mauriziano, e dell’associazione dialogART che si occupa di individuare strategie di promozione e sviluppo dell’Abbazia di Staffarda, verranno eccezionalmente aperti al pubblico alcuni locali al piano superiore dell’Abbazia, normalmente chiusi, in due speciali occas

Parchi da Gustare - Il menù del Parco

Quattro ristoranti della Valle Po e Valle Varaita porteranno in tavola, fino a settembre, con la rassegna Parchi da Gustare - Il menù del Parco, i piatti realizzati con i prodotti tipici del territorio e dell’area protetta: formaggi (Tuma d’Visu, Tuma di Martiniana, il nostrale di montagna), gallina bianca, asparago dolce di Reve

Chiusura sportello forestale

Il mese di maggio segna la chiusura della stagione selvicolturale e di conseguenza dello sportello forestale del martedì.
Per informazioni e richieste è comunque garantito il servizio previo appuntamento, telefonando al numero 0175 46505

26 maggio: G.A.I.A per Liberi Dentro

Condividiamo l'iniziativa che G.A.I.A propone per sabato 26 maggio a favore delle attività carcerarie

La minuscola Valle Bronda: antico monachesimo, nobili parchi e colorati spaventapasseri

Dopo i passati successi buschesi, quest’anno ci rechiamo nella piccola valle alle porte di Saluzzo. La valle Bronda,

Cortocircuito Savigliano Film Festival

L’associazione culturale 'Cortocircuito' organizza la III edizione di 'Cortocircuito – Savigliano Film Festival', concorso cinematografico dedicato ai cortometraggi che si svolgerà a Savigliano dal 22 al 28 ottobre 2018.

Le prime due edizioni hanno riscosso un grande successo sia in termini della qualità dei corto

A scuola di biodistretti

Nella giornata di venerdì 20 aprile, il Parco del Monviso, in collaborazione con Scuola Malva Arnaldi di Bibiana, ha organizzato una visita del biodistretto ligure della Val di Vara (SP), una delle realtà più interessanti nel contesto dell’agricoltura biologica a livello nazionale.
L’iniziativa rientra nelle

Vispo - Giovani a raccolta per la salute del Po

Acque inquinate, sponde cementificate, discariche a cielo aperto. E’ così che troppo spesso si presentano il Po e i suoi affluenti. Una grossa pattumiera piuttosto che un bene insostituibile dal punto di vista naturalistico, una risorsa ecosistemica ed economica per il nostro territorio. E’ da questa considerazione che nasce VisP

Un Po...di acqua: strategie di gestione - gli atti del convegno

Si è tenuto a Faule, in occasione della 'Festa del P0', il Convegno organizzato da Parco del Monviso per fare il punto della situazione dei nostri fiumi e delle possibili strategie da attuare in sinergia per una loro tutela e uso sostenibile.
La necessità sempre più urgente di una gestione efficace dei corpi idrici regio

Escursioni nel Parco - calendario primaverile

Il Parco del Monviso, in collaborazione con l'Associazione Vesulus, propone per il periodo primaverile una serie di escursioni alla conoscenza del territorio.
Nei link tra parentesi tutte le info:

- 23-24 marzo - Il trionfo del sole: due giorni ad Ostana, in Valle Po, per salutare l'equinozio di primavera all'insegna delle esc

A proposito della rievocazione della Battaglia di Staffarda

Quello che le cronache non dicono …

è, normalmente, quella parte di verità che compromette l’'audience', facendo venir meno quel tanto di scandalistico che spesso la alimenta.

Si direbbe sia il caso anche del recente articolo del Corriere di Saluzzo, dal suggestivo sottotitolo 'Staffarda: i pipistre

Alla scoperta della magia del fiume

News dalla rete Cets Monviso

Quattro appuntamenti alla scoperta del fiume con il centro sport fluviali Free Flow Rivers Adventures in collaborazione con l'associazione Amici del Po che propongono la discesa di rafting sul fiume Po, nel tratto Cardè - Villafranca.
Le discese si svolgeranno domenica 15 aprile, sabato 12 m

BambApp - Un social network per monitorare la diffusione dei Bamboo in Piemonte e Val d’Aosta

Tutti possono partecipare. Questa la grande novità di BambApp, un progetto avviato dal DISAFA (Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari dell’Università di Torino) e finalizzato al monitoraggio della diffusione e invasività dei Bamboo* sul nostro territorio.
Per partecipare basta scaricare e installar

Proposte didattiche 2017-2018

Sono state presentate a Cuneo il 20 settembre le proposte di educazione ambientale del Parco del Monviso per l'anno scolastico 2017/2018: numerose proposte che hanno l’obiettivo di creare, a partire dai più piccoli, un atteggiamento più sostenibile e consapevole rispetto alle tematiche ambientali, attraverso attività di c

Chiusura Buco di Viso autunno 2017

Giovedì 12 ottobre la Regione Piemonte, con le squadre degli operai forestali, provvederà alla chiusura dell’accesso al Buco di Viso per il periodo invernale. La chiusura si rende necessaria per evitare che la neve si accumuli nel tunnel, ostruendo il passaggio e recando danni alla struttura che potrebbero ritardare la riapertur

Parco Naturale del Monviso. Istruzioni per l'uso

COSA È?
Il Parco Naturale del Monviso ed il Sito di Importanza Comunitaria (SIC) 'Gruppo del Monviso e Bosco dell’Alevé' si estendono fra le Valli Po e Varaita, il Parco è stato istituito con Legge Regionale 19/2015, mentre il SIC fa parte di una rete di aree tutelate dalla normativa europea, per una buona parte i

Musei del Parco - chiusi a Pasqua, aperti a Pasquetta

Ha riaperto domenica 4 marzo per il Museo del Piropo di Martiniana Po, sarà possibile visitare tutte le domeniche dalle 14,30 alle 18,30.
Il Museo del Po di Revello mantiene invece l'apertura tutte le domeniche con il consueto orario (14,30-16,30)
L'ingresso, come sempre, è gratuito.
Ancora chiusi, fino all'estate

Scaricabile la cartina del Parco del Monviso

Dal sito www.parcomonviso.eu è possibile visualizzare e scaricare in formato pdf la cartina del nuovo Parco del Monviso relativo alle Alte Valli Po e Varaita.
E' possibile visualizzare e scaricare l'immagine in formato pdf con la cartina turistica del Parco all'indirizzo: www.parcomonviso.eu/ita/cartine.asp

Piemonte Parchi Web Piemonte Parchi Mondi Vicini Sguardi Lontani Meteo Regione Piemonte Ostello del Po Escartons, hommes libres Visita il sito del Po in Piemonte Al Parc Centro Cicogne


Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. Sede : via Griselda, 8 12037 Saluzzo (CN) tel.0175/46505 fax.0175/43710 - protocollo@pec.parcomonviso.eu
P.Iva : 02942350048 - C.F. 02345150045
Orario apertura al pubblico. Dal lunedì al venerdì 8.30 - 12.30

Web Design - 2006 Leonardo WEB s.r.l. - Sito realizzato con il contributo di cui alla L. 135/2001 - "Valorizzazione Turistica del fiume Po".
Informativa Privacy

Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, nè sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell'utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento