La storia di Antares, allocco della Val Varaita

Pubblichiamo la storia di Antares, un allocco curato e liberato dai volontari del Centro Recupero Animali Selvatici di Bernezzo

Erano trascorsi giorni, forse settimane, da quando aveva avuto l’incidente e perso la libertà, ma ancora adesso Antares, uno splendido maschio di Allocco, non aveva le idee ben chiare sull’accaduto.
L’ultimo ricordo nitido si era fermato a quella sera d’autunno nei boschi della bassa valle Varaita: un forte vento caldo soffiava implacabile da sud e con lui le fiamme che divoravano alberi e sottobosco che da tempo si erano arresi alla lunga siccità.

Antares sentiva I morsi della fame, gli abitanti del bosco avevano lasciato nidi e tane per rifugiarsi in luoghi più sicuri, ma lui no: da secoli i suoi antenati abitavano quei luoghi meravigliosi e lui non li avrebbe mai abbandonati, neppure adesso che il cibo scarseggiava.
' E’ meglio cercare un altro territorio di caccia' pensó il rapace mentre, dall’alto di una conifera, osservava la pianura immersa nell’oscurità: solo poche luci illuminavano piccole borgate in netto contrasto con il bagliore sinistro dei fronti di fuoco intorno a lui.
L’allocco planó silenzioso verso la nuova zona da esplorare, ma dopo qualche minuto accadde qualcosa di imprevisto: mentre sorvolava a bassa quota la campagna alla ricerca del luogo propizio per appostarsi, luci improvvise lo abbagliarono seguite da un poderoso spostamento d’aria che lo fece cadere rovinosamente a terra.
L'uccello ferito riprese conoscenza giusto in tempo per scorgere un umano che si avvicinava minaccioso, una specie da evitare assolutamente, come gli avevano più volte ripetuto i genitori durante l'addestramento: 'Sono un rapace possente, pensó Antares, ho becco ed artigli affilati e venderó care le piume!'.
Ma, improvvisamente, una coperta lo immobilizzó prima di dargli il tempo di reagire poi, quando rivide la luce, la vista e l’odore di altri umani provocarono in lui un misto di terrore e nausea: il povero animale era paralizzato dalla paura di quelle sagome enormi che lo stavano afferrando.

Antares era stato portato al Centro Recupero Animali Selvatici di Bernezzo.
Giorno dopo giorno, peró, l'allocco mutó il suo terrore iniziale verso quegli esseri in diffidenza: quelle mani che inizialmente lo avevano palpato ovunque con movimenti decisi ma mai violenti, adesso lo imboccavano per aiutarlo a riprendere le forze ed il tono sommesso delle voci gli infondevano coraggio.
'Non si sta poi cosi male qui al CRAS', si scoprì a pensare un giorno, provando quasi un senso di colpa..: 'ma devo assolutamente riconquistare la libertà ed i miei boschi' aggiunse, poi, con fierezza.
Così, alla prima occasione spiccó un volo fuori dalla gabbia: non fece molta strada, in verità, ed il suo tentativo svanì rapidamente di fronte alle porte chiuse della sala ricoveri.
Stranamente peró, gli umani non si erano arrabbiati per quel suo maldestro tentativo di fuga, anzi era pronto a giurare che se ne fossero rallegrati: 'Strani tipi I miei carcerieri' pensó perplesso.

Poi, quella sera, l’incubo era ricominciato: le stesse mani che aveva imparato a conoscere durante I pasti, adesso lo avevano infilato in una scatola e lui era di nuovo terrorizzato per l’incerto destino che lo aspettava
Aveva viaggiato per un pó di tempo su di un’ auto ('come quella che mi ha colpito' aveva pensato con apprensione), poi, improvvisamente, il silenzio intorno a lui, mentre il portellone veniva aperto dall’esterno.
Adesso sentiva solo il respiro regolare dell’umano che saliva lungo il sentiero tenendo con cura la scatola dove lui si trovava rinchiuso. Ma c’era anche qualcos’altro che entrava dai buchi della sua nuova prigione: il crepitio della neve calpestata e l’odore di muschioodore di casa
Il rapace non fece in tempo a finire I suoi pensieri che la scatola venne riaperta: era notte ma una luce, anche se debole, lo abbaglió per un istante, poi, dopo pochi secondi, si spense
Adesso finalmente ci vedeva e l’ombra dell’umano accanto a lui non lo spaventava più: l’allocco dischiuse leggermente le ali facendosi accarezzare dalla dolce brezza notturna, poi, lo scricchiolio familiare dei rami di pino portato dal vento lo risveglió da quel torpore infarcito di benessere.
Ma non era solo quel rumore ad averlo scosso: una mano lo stava accarezzando dolcemente, prima sul capo e poi sul petto.
'Questo è davvero troppo' pensó Antares, ruotando il capo di 180 gradi per sottrarsi a quel gesto inaspettato.

In quell’istante i suoi occhi la videro: la costellazione di Orione stava sorgendo giù a sud ed una falce di luna illuminava il bosco.
I ricordi delle notti di caccia adesso erano vividi in lui mentre le dita dell'uomo si erano spostate sulle sue zampe con piccoli colpetti che lo invitavano ad alzarsi in volo: ma Antares non ne aveva più bisogno, ora lui ricordava tutto e con un battito d'ali si alzó e planó silenzioso sul bosco sottostante.

L'uomo si asciugó furtivo una lacrima di gioia prima di riprendere il sentiero del ritorno alla ricerca di campo per il suo cellulare, ansioso di raccontare agli amici del Centro Recupero i particolari della liberazione, perchè ogni volta che un animale riacquista la libertà è una festa per tutti!
Buona vita, amico mio, vola sicuro sulle ali della notte che quassù profuma di resina e muschio e la luce delle stelle ti guidi sulle invisibili rotte del cielo che già i tuoi avi solcarono tanti anni fa.

Un volontario.


Invia un commento








Inserisci a fianco il codice di sicurezza :      Codice di sicurezza

Le escursioni del Parco di dicembre

Il Parco del Monviso con l’associazione Vesulus propone tre escursioni e due soggiorni in valle Varaita e Po durante il mese di dicembre.
Le escursioni conduranno i partecipanti alla scoperta di angoli intimi e meno frequentati delle valli del Monviso, come il vallone di Gilba e la valle del Lenta, o a osservare stambecchi e camosci ne

Il Rifugio Giacoletti ha un nuovo impianto di depurazione delle acque

Durante la stagione estiva 2018 il CAI di Barge ha svolto un lavoro di riqualificazione degli impianti di depurazione esistenti presso il rifugio 'Vitale Giacoletti', nel comune di Crissolo a quota 2.741 metri al colle del Losas, di fronte alla parete Nord del Monviso: una struttura che vede il passaggio estivo di migliaia di escursionisti grazie a

Chiusi la strada per Pian del Re e il Colle dell'Agnello

Come previsto, anche per quest'anno con l'arrivo della prima neve, la Provincia di Cuneo ha disposto la chiusura della strada per Pian del Re.
A metà ottobre è invece stato chiuso il colle dell'Agnello che consente il passaggio dalla Val Varaita al Queyras.
Le strade resteranno chiuse per tutto il periodo invernale, fino

I vincitori del Cortocircuito Savigliano Film Festival

Dal 22 al 28 ottobre si è tenuto il Cortocircuito Savigliano Film Festival.
Alla terza edizione del Festival hanno partecipato 587 cortometraggi provenienti da ben 60 nazioni (tra cui si segnala la presenza di 'The Silent Child', vincitore del Premio Oscar 2018).
Di seguito i vincitori delle varie sezioni, compresa quella temat

Musei del Parco - orario autunnale

Con l'arrivo dell'autunno si modificano gli orari dei Musei del Parco.
Chiusi dopo la stagione estiva il Centro Visite Alevè, il Centro Visite di Pian del Re e il Museo del Piropo di Martiniana Po.

Il Museo dei Fiume Po di Revello è aperto invece tutto l'anno. Ogni domenica, dalle 14,30 alle 18,30 è possi

Domenica 28 ottobre ultima apertura del Museo del Piropo prima della chiusura stagionale

Domenica 28 ottobre sarà l’ultimo giorno di apertura di questa stagione per il Museo del Piropo di Martiniana Po.
L’esposizione è dedicata al rarissimo cristallo parente dei granati, noto in pochissimi siti al mondo e presente in grande quantità nei dintorni montuosi di Martiniana Po.
Il museo è

Dal 1 novembre chiude la grotta di Rio Martino

Come ogni anno, da giovedì 1 novembre saranno chiusi i cancelli d’ingresso della Grotta di Rio Martino, cavità naturale poco al di sopra dell’abitato di Crissolo, in valle Po. L’accesso ai visitatori sarà quindi vietato sino al 31 marzo. La chiusura stagionale viene effettuata per tutelare il periodo di svern

Chiuso Buco di Viso

Martedì 9 ottobre gli operai forestali della Regione Piemonte, coordinati dal funzionario tecnico Stefanino Agù, d’intesa con il Parco del Monviso e il Parco del Queyras, hanno provveduto alla chiusura dell’accesso al Buco di Viso per il periodo invernale.
'Il Buco di Viso è una risorsa importante per il nost

Osmodog: storia di Teseo e dell’Osmoderma eremita

Non lasciatevi ingannare dal titolo di questo articolo: non stiamo per narrarvi una storia tratta dalla mitologia greca, tuttavia in un certo senso, anche in questa narrazione incontreremo strane e misteriose creature ed eroi impegnati in una difficile missione: proteggere gli habitat e le specie a rischio di estinzione.
Teseo(1) nel nostro

Le proposte di educazione ambientale 2018-19

Giovedì 4 ottobre alle ore 17 il Parco del Monviso presenta, nel contesto di Villa Radicati - Belvedere a Saluzzo, le proposte di educazione ambientale in programma per l’anno scolastico 2018-19.
Come ogni anno, il Parco del Monviso si rivolge alle scuole e al territorio per presentare le tante attività organizzate in nat

Insecta: incontri ravvicinati con il microcosmo

Domenica 23 settembre alle ore 16,30, in occasione della Sagra dei Tajarin, si terrà nei locali del Comune di Casalgrasso dove è allestita la mostra 'Insecta' un incontro aperto al pubblico, nel quale i guardiaparco presenteranno il Parco del Monviso con un approfondimento sugli insetti presenti sul suo territorio.
La partec

Giovani per lo sviluppo sostenibile: i risultati del primo Mab UNESCO Monviso Youth Camp

Sabato 15 settembre si è svolto, presso l’ex caserma Mario Musso di Saluzzo, l’incontro di presentazione dei risultati del primo MaB UNESCO Monviso Youth Camp, che si è tenuto in luglio in valle Varaita con la modalità dell’'outdoor education' in campeggio residenziale presso il rifugio Bagnour. Una scintilla

Il Cerambice della quercia

Se provate a cercare sul web 'cerambice della quercia' (Cerambyx cerdo) i risultati che otterrete saranno principalmente due:
'il Cerambice della quercia è una specie minacciata che necessita di una tutelata rigorosa, come indicato dalla Direttiva Habitat (specie inclusa negli allegati II e IV)'
'il cerambice della quercia

Scaricabile la cartina del Parco del Monviso

Dal sito www.parcomonviso.eu è possibile visualizzare e scaricare in formato pdf la cartina del nuovo Parco del Monviso relativo alle Alte Valli Po e Varaita.
E' possibile visualizzare e scaricare l'immagine in formato pdf con la cartina turistica del Parco all'indirizzo: www.parcomonviso.eu/ita/cartine.asp

Il progetto InNat alla scoperta del Cervo volante e dei coleotteri saproxilici

Quando incontro una specie minacciata o a rischio d’estinzione ma che un tempo era molto comune, mi tornano alla memoria quelle gloriose squadre di calcio, oggi relegate alle serie minori o del tutto scomparse ma che all’inizio ‘900 dominavano il campionato italiano. Società sportive di cui quasi nessuno ormai si interessa

Parco Naturale del Monviso. Istruzioni per l'uso

COSA È?
Il Parco Naturale del Monviso ed il Sito di Importanza Comunitaria (SIC) 'Gruppo del Monviso e Bosco dell’Alevé' si estendono fra le Valli Po e Varaita, il Parco è stato istituito con Legge Regionale 19/2015, mentre il SIC fa parte di una rete di aree tutelate dalla normativa europea, per una buona parte i

Piemonte Parchi Web Piemonte Parchi Mondi Vicini Sguardi Lontani Meteo Regione Piemonte Ostello del Po Escartons, hommes libres Visita il sito del Po in Piemonte Al Parc Centro Cicogne


Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. Sede : via Griselda, 8 12037 Saluzzo (CN) tel.0175/46505 fax.0175/43710 - protocollo@pec.parcomonviso.eu
P.Iva : 02942350048 - C.F. 02345150045
Orario apertura al pubblico. Dal lunedì al venerdì 8.30 - 12.30

Web Design - 2006 Leonardo WEB s.r.l. - Sito realizzato con il contributo di cui alla L. 135/2001 - "Valorizzazione Turistica del fiume Po".
Informativa Privacy

Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, nè sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell'utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento