La storia di Antares, allocco della Val Varaita

Pubblichiamo la storia di Antares, un allocco curato e liberato dai volontari del Centro Recupero Animali Selvatici di Bernezzo

Erano trascorsi giorni, forse settimane, da quando aveva avuto l’incidente e perso la libertà, ma ancora adesso Antares, uno splendido maschio di Allocco, non aveva le idee ben chiare sull’accaduto.
L’ultimo ricordo nitido si era fermato a quella sera d’autunno nei boschi della bassa valle Varaita: un forte vento caldo soffiava implacabile da sud e con lui le fiamme che divoravano alberi e sottobosco che da tempo si erano arresi alla lunga siccità.

Antares sentiva I morsi della fame, gli abitanti del bosco avevano lasciato nidi e tane per rifugiarsi in luoghi più sicuri, ma lui no: da secoli i suoi antenati abitavano quei luoghi meravigliosi e lui non li avrebbe mai abbandonati, neppure adesso che il cibo scarseggiava.
' E’ meglio cercare un altro territorio di caccia' pensó il rapace mentre, dall’alto di una conifera, osservava la pianura immersa nell’oscurità: solo poche luci illuminavano piccole borgate in netto contrasto con il bagliore sinistro dei fronti di fuoco intorno a lui.
L’allocco planó silenzioso verso la nuova zona da esplorare, ma dopo qualche minuto accadde qualcosa di imprevisto: mentre sorvolava a bassa quota la campagna alla ricerca del luogo propizio per appostarsi, luci improvvise lo abbagliarono seguite da un poderoso spostamento d’aria che lo fece cadere rovinosamente a terra.
L'uccello ferito riprese conoscenza giusto in tempo per scorgere un umano che si avvicinava minaccioso, una specie da evitare assolutamente, come gli avevano più volte ripetuto i genitori durante l'addestramento: 'Sono un rapace possente, pensó Antares, ho becco ed artigli affilati e venderó care le piume!'.
Ma, improvvisamente, una coperta lo immobilizzó prima di dargli il tempo di reagire poi, quando rivide la luce, la vista e l’odore di altri umani provocarono in lui un misto di terrore e nausea: il povero animale era paralizzato dalla paura di quelle sagome enormi che lo stavano afferrando.

Antares era stato portato al Centro Recupero Animali Selvatici di Bernezzo.
Giorno dopo giorno, peró, l'allocco mutó il suo terrore iniziale verso quegli esseri in diffidenza: quelle mani che inizialmente lo avevano palpato ovunque con movimenti decisi ma mai violenti, adesso lo imboccavano per aiutarlo a riprendere le forze ed il tono sommesso delle voci gli infondevano coraggio.
'Non si sta poi cosi male qui al CRAS', si scoprì a pensare un giorno, provando quasi un senso di colpa..: 'ma devo assolutamente riconquistare la libertà ed i miei boschi' aggiunse, poi, con fierezza.
Così, alla prima occasione spiccó un volo fuori dalla gabbia: non fece molta strada, in verità, ed il suo tentativo svanì rapidamente di fronte alle porte chiuse della sala ricoveri.
Stranamente peró, gli umani non si erano arrabbiati per quel suo maldestro tentativo di fuga, anzi era pronto a giurare che se ne fossero rallegrati: 'Strani tipi I miei carcerieri' pensó perplesso.

Poi, quella sera, l’incubo era ricominciato: le stesse mani che aveva imparato a conoscere durante I pasti, adesso lo avevano infilato in una scatola e lui era di nuovo terrorizzato per l’incerto destino che lo aspettava
Aveva viaggiato per un pó di tempo su di un’ auto ('come quella che mi ha colpito' aveva pensato con apprensione), poi, improvvisamente, il silenzio intorno a lui, mentre il portellone veniva aperto dall’esterno.
Adesso sentiva solo il respiro regolare dell’umano che saliva lungo il sentiero tenendo con cura la scatola dove lui si trovava rinchiuso. Ma c’era anche qualcos’altro che entrava dai buchi della sua nuova prigione: il crepitio della neve calpestata e l’odore di muschioodore di casa
Il rapace non fece in tempo a finire I suoi pensieri che la scatola venne riaperta: era notte ma una luce, anche se debole, lo abbaglió per un istante, poi, dopo pochi secondi, si spense
Adesso finalmente ci vedeva e l’ombra dell’umano accanto a lui non lo spaventava più: l’allocco dischiuse leggermente le ali facendosi accarezzare dalla dolce brezza notturna, poi, lo scricchiolio familiare dei rami di pino portato dal vento lo risveglió da quel torpore infarcito di benessere.
Ma non era solo quel rumore ad averlo scosso: una mano lo stava accarezzando dolcemente, prima sul capo e poi sul petto.
'Questo è davvero troppo' pensó Antares, ruotando il capo di 180 gradi per sottrarsi a quel gesto inaspettato.

In quell’istante i suoi occhi la videro: la costellazione di Orione stava sorgendo giù a sud ed una falce di luna illuminava il bosco.
I ricordi delle notti di caccia adesso erano vividi in lui mentre le dita dell'uomo si erano spostate sulle sue zampe con piccoli colpetti che lo invitavano ad alzarsi in volo: ma Antares non ne aveva più bisogno, ora lui ricordava tutto e con un battito d'ali si alzó e planó silenzioso sul bosco sottostante.

L'uomo si asciugó furtivo una lacrima di gioia prima di riprendere il sentiero del ritorno alla ricerca di campo per il suo cellulare, ansioso di raccontare agli amici del Centro Recupero i particolari della liberazione, perchè ogni volta che un animale riacquista la libertà è una festa per tutti!
Buona vita, amico mio, vola sicuro sulle ali della notte che quassù profuma di resina e muschio e la luce delle stelle ti guidi sulle invisibili rotte del cielo che già i tuoi avi solcarono tanti anni fa.

Un volontario.


Invia un commento








Inserisci a fianco il codice di sicurezza :      Codice di sicurezza

Le escursioni del Parco di marzo

A marzo due proposte del Parco del Monviso in collaborazione con l’associazione Vesulus. Si tratta di due weekend immersi nella quiete della valle Varaita alla ricerca di natura e benessere in occasione di due particolari momenti dell’anno: la Festa della Donna e l’Equinozio di Primavera. Entrambe le pro-poste in calendario abbina

Cuneo Montagna Festival

Prenderà il via venerdì 22 febbraio l’11 edizione del Cuneo Montagna Festival, che per il 2019 ha scelto come filo conduttore il tema dell’ 'IM POSSIBILE'.

«La forza del possibile dichiara Lido Riba, Presidente Uncem Piemonte - è quella che ha condotto decine di migliaia di persone a voler da

Venerdì 15 febbraio serata con il CAI Monviso

Venerdì 15 febbraio primo appuntamento con 'Montagna di Sera', rassegna del CAI Monviso Saluzzo che gode del sostegno di Comune di Saluzzo e Parco del Monviso. Il primo ospite del ciclo di incontri sarà Gian Luca Boetti, che proporrà un viaggio sui sentieri delle Isole Minori d’Italia con una coinvolgente proiezione di fo

Le escursioni del Parco del 16 e 17 febbraio

A febbraio due proposte del Parco del Monviso in collaborazione con l’associazione Vesulus: sabato 16 e domenica 17 a Crissolo e Ostana una due giorni di ciaspolate e danze occitane con vista sul Monviso in occasione di San Valentino, e domenica 17 a Pian Munè di Paesana un’escursione pomeridiana per ammirare il tramonto al cospe

100.000 volte!

Una settimana fa abbiamo pubblicato sulla nostra pagina il video che racconta il Parco del Monviso: più di 100.000 persone lo hanno già visto sulla propria home di Facebook in forma organica e il dato continua a salire.
Grazie a tutti per l'apprezzamento: vi invitiamo a scoprire il Parco anche lungo i suoi sentieri ai piedi de

Un importante finanziamento dal Ministero dell'Ambiente per le attività Mab Monviso Unesco

UN FINANZIAMENTO DEL MINISTERO DELL’AMBIENTE PER LE ATTIVITÀ SVOLTE DAL PARCO DEL MONVISO NELL’AMBITO DEL PROGRAMMA MAN AND THE BIOSPHERE UNESCO

Un contributo di 34.000 euro per le attività svolte e relative al piano di gestione e di comunicazione della Riserva della Biosfera.

Con una comunicaz

Musei del Parco - orario invernale

I musei del Parco seguono le stagioni della natura .
Chiusi dopo la stagione estiva il Centro Visite Alevè, il Centro Visite di Pian del Re e il Museo del Piropo di Martiniana Po.

Il Museo dei Fiume Po di Revello è aperto invece tutto l'anno. Ogni domenica, dalle 14,30 alle 18,30 è possibile scoprire i di

LE ANATRE TUFFATRICI - La Moretta comune e il Moriglione

LE ANATRE TUFFATRICI
Alcune anatre sono particolarmente abili nel nuoto subacqueo, si tratta delle cosiddette anatre tuffatrici*, a cui appartengono molte specie tipiche delle regioni nordiche**. Alcune di esse sono anche osservabili alle nostre latitudini, soprattutto nel periodo invernale e tra tutte, la Moretta comune &eg

La Canapiglia (Mareca strepera)

È un’anatra dalle dimensioni simili a quelle del Gemano reale (lunghezza 4656 cm e apertura alare 7890 cm) dal quale si distingue, almeno nel maschio, per il piumaggio dal colore prevalente grigio, con sfumature marrone chiaro e nero. La femmina invece ricorda molto quella del Germano reale ma si distingue da essa per alcuni importan

Fischione (Mareca penelope)

Continuiamo il nostro viaggio nel mondo delle anatre svernanti nel Parco, descrivendo alcune specie piuttosto appariscenti ma decisamente meno frequenti rispetto al Germano reale e all’Alzavola già trattate nei precedenti articoli.
Si tratta di anatre spesso rappresentate soltanto da pochi individui e per nessuna di esse &egrav

Al Parco...giochi e impari! Laboratori didattici per bambini e ragazzi

È in partenza una nuova iniziativa didattica realizzata dal Parco del Monviso in collaborazione con l'associazione di Accompagnatori Naturalistici Vesulus, già responsabile delle attività escursionistiche promosse dal Parco e alla quale è affidata la gestione dei Centri visita dell’Ente.
I destinatari di qu

Alzavola (Anas crecca)

L’alzavola è una piccola e timida anatra, in cui il maschio presenta una vistosa colorazione rosso e verde sul capo e una tipica ed evidente macchia gialla sulla coda. La femmina, come in tutte le altre specie di anatidi, mostra invece un piumaggio mimetico con colori marroni ma puó essere facilmente distinta dalle femmine di a

Il germano reale

Si tratta senza ombra di dubbio dell’anatra più comune e numerosa nella nostra regione e di uno degli animali più noti anche ai non appassionati di Natura. Spesso chiamato semplicemente 'papera', è nell’immaginario comune, l’animale tipico degli ambienti acquatici e ricorre immancabilmente nell’iconograf

Con l’inverno prepariamoci all’arrivo delle anatre!

Nella stagione fredda, laghi, stagni e corsi d’acqua si popolano di un gran numero di uccelli acquatici che diventano assai più numerosi rispetto a tutte le altre stagioni, grazie all’arrivo di individui nordici. Molti uccelli, e in particolare le anatre, fuggono dalle rigide temperature dei loro luoghi di riproduzione. Essi trov

Sul Pellice meno uova di trota marmorata

Sabato 5 gennaio si è tenuta l’annuale passeggiata lungo le sponde del torrente Pellice alla ricerca dei luoghi dove le trote depongono le uova, organizzata dal Parco del Monviso in collaborazione con il Servizio di Tutela della fauna e della flora della Città Metropolitana di Torino.
L’attività didattico-sci

Dal 1 novembre chiude la grotta di Rio Martino

Come ogni anno, da giovedì 1 novembre saranno chiusi i cancelli d’ingresso della Grotta di Rio Martino, cavità naturale poco al di sopra dell’abitato di Crissolo, in valle Po. L’accesso ai visitatori sarà quindi vietato sino al 31 marzo, con possibilità di proroga della chiusura in base alle condizioni

Le proposte di educazione ambientale 2018-19

Giovedì 4 ottobre alle ore 17 il Parco del Monviso presenta, nel contesto di Villa Radicati - Belvedere a Saluzzo, le proposte di educazione ambientale in programma per l’anno scolastico 2018-19.
Come ogni anno, il Parco del Monviso si rivolge alle scuole e al territorio per presentare le tante attività organizzate in nat

Scaricabile la cartina del Parco del Monviso

Dal sito www.parcomonviso.eu è possibile visualizzare e scaricare in formato pdf la cartina del nuovo Parco del Monviso relativo alle Alte Valli Po e Varaita.
E' possibile visualizzare e scaricare l'immagine in formato pdf con la cartina turistica del Parco all'indirizzo: www.parcomonviso.eu/ita/cartine.asp

Parco Naturale del Monviso. Istruzioni per l'uso

COSA È?
Il Parco Naturale del Monviso ed il Sito di Importanza Comunitaria (SIC) 'Gruppo del Monviso e Bosco dell’Alevé' si estendono fra le Valli Po e Varaita, il Parco è stato istituito con Legge Regionale 19/2015, mentre il SIC fa parte di una rete di aree tutelate dalla normativa europea, per una buona parte i

Piemonte Parchi Web Piemonte Parchi Mondi Vicini Sguardi Lontani Meteo Regione Piemonte Ostello del Po Escartons, hommes libres Visita il sito del Po in Piemonte Al Parc Centro Cicogne


Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. Sede : via Griselda, 8 12037 Saluzzo (CN) tel.0175/46505 fax.0175/43710 - protocollo@pec.parcomonviso.eu
P.Iva : 02942350048 - C.F. 02345150045
Orario apertura al pubblico. Dal lunedì al venerdì 8.30 - 12.30

Web Design - 2006 Leonardo WEB s.r.l. - Sito realizzato con il contributo di cui alla L. 135/2001 - "Valorizzazione Turistica del fiume Po".
Informativa Privacy

Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, nè sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell'utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento