Il letargo - parte 2

Dopo aver affrontato il fenomeno del letargo da un punto di vista generale, proviamo ora ad analizzare alcuni comportamenti degli animali più tipici del nostro territorio durante il periodo invernale.

RETTILI E ANFIBI
I serpenti come la vipera, il biacco e la biscia d’acqua (o natrice dal collare), durante i mesi invernali rallentano drasticamente il loro metabolismo fino ad arrivare ad uno stato di inattività, senza peró entrare mai in uno stato di ibernazione profonda. All’inizio del periodo freddo, cercano un comodo rifugio all’interno di profonde buche nel terreno o in anfratti tra le rocce. Come già descritto nella prima parte di questo articolo, l’ibernazione nei rettili è un processo di rallentamento generale del metabolismo corporeo, legato a un ridotto scambio di ossigeno tra i tessuti e l’ambiente esterno e che non sembra essere regolato da meccanismi fisiologici complessi come accade in alcuni mammiferi.
Per la vipera ad esempio, l’ibernazione comincia alla fine di ottobre e la ripresa della piena attività arriva intorno a marzo. Questo periodo inattività tuttavia non è rigido e in occasione di inverni particolarmente miti, questi animali possono mantenere un certo grado di attività anche nei mesi invernali.
Anche gli anfibi hanno sviluppato strategie di ibernazione per contrastare l’inverno. Ai primi freddi le rane verdi (Pelophylax sp.), più legate alla vita acquatica durante tutto il ciclo di vita, si affossano nel fondale degli stagni cadendo in uno stato di animazione sospesa, per rimanerci fino all’inizio della primavera.
Le rane rosse come la rara rana di Lataste (tipiche delle aree umide di pianura), la rana dalmatina o la rana temporaria (delle zone montane e alpine), ma anche i rospi (rospo comune e rospo smeraldino) presentano invece fasi di vita slegate dal contatto diretto con l’acqua: l’adulto dopo la riproduzione che avviene in acqua, puó spostarsi all’interno di sottoboschi ombrosi e umidi. Questi anfibi trascorrono l’inverno sotto la lettiera di foglie del bosco o all’interno di cavità rocciose e di buchi nel terreno.

Come già anticipato, tra i mammiferi abbiamo invece diverse strategie di ibernazione. Scopiamo insieme come superano l’inverno alcuni tra i mammiferi più noti del Parco.

MARMOTTA (Marmota marmota)
La marmotta delle Alpi è uno dei mammiferi più strettamente legati all’ambiente alpino. Ha sviluppato di conseguenza numerose strategie di adattamento alle condizioni rigide imposte dalla vita d’alta quota. Il letargo invernale per questa specie è una soluzione indispensabile per la sopravvivenza, condizione alla quale la marmotta si prepara ampiamente già a partire dal mese di settembre con la cosiddetta fase di 'preibernazione'. In questo momento dell’anno gli animali preparano le profonde tane invernali foderandole con fieno e nutrendosi in abbondanza per accumulare le riserve di grasso necessarie a superare l'inverno.
Con il sopraggiungere dei primi rigori invernali, l’intera famiglia di marmotte si rifugia all’interno della tana profonda, sigillando l'ingresso con un tappo di paglia e terriccio. Qui le marmotte cadono in un sonno profondo che puó durare anche sei mesi.
Durante lo stato di ibernazione la temperatura corporea dell’animale scende da 35 a 5 gradi mentre i battiti cardiaci passano da 130 a 15 al minuto.

MOSCARDINO (Muscardinus avellanarius)
Questo piccolo ed elusivo roditore, ben presente sia nei boschi di montagna che in quelli ormai radi di pianura, trascorre il periodo invernale in letargo.
Anche il moscardino accumula grandi riserve di grasso prima di entrare in ibernazione. In questa fase dell’anno l’esigenza di accumulare grasso corporeo è tale da portare quest’animale a modificare addirittura la sua dieta. Da vegetariano, il Moscardino diventa un amante delle proteine, nutrendosi per lo più di insetti e altri invertebrati.
Costruisce poi un piccolo nido tondo alla base di rovi o di fitti arbusti, utilizzando cortecce, foglie, muschio, erba, dover si addormenta acciambellandosi su sé stesso per limitare il più possibile la dispersione del calore corporeo.

GHIRO (Glis glis)
Anche il ghiro, come gli animali precedentemente citati, accumula grande quantità di grasso prima dell’ibernazione invernale. il ghiro, sebbene legato come lo scoiattolo alla vita arboricola, puó cercare rifugio anche in buchi nel terreno, nelle grotte e nelle fessure di muri e rocce, in vecchi nidi abbandonati o nelle casette nido per uccelli. Molto spesso si rifugia anche nei sottotetti o nelle soffitte, luoghi che gli assicurano la giusta protezione dal freddo e dall’umidità oltre che da potenziali predatori. Il Ghiro puó restare in letargo per circa 6 mesi ma la durata del periodo di stasi varia molto con le condizioni climatiche del luogo in cui vive.

RICCIO (Erinaceus europaeus)
Il riccio europeo è un insettivoro dal metabolismo molto accelerato che con il sopraggiungere delle basse temperature e alla concomitante scarsità di cibo del periodo invernale, cade in un profondo stato di ibernazione: anche in questo caso il battito cardiaco e frequenza respiratoria rallentano drasticamente e la temperatura corporea crolla da 37C a 5C.

CHIROTTERI
Spesso protagonisti di superstizioni e false credenze popolari, i chirotteri, meglio noti come 'pipistrelli', sono animali davvero unici: sono gli unici mammiferi che posseggono ali per volare* e si orientano attraverso gli ultrasuoni.
Con il mese di ottobre inizia il periodo di ibernazione che termina con l’arrivo della primavera. Durante il 'sonno invernale' tutte le attività corporee vengono rallentate in modo da consumare la minor quantità di energia possibile.
Un pipistrello in letargo è in grado di ottenere uno straordinario risparmio energetico. riduce al minimo i battiti cardiaci (da quasi 1000 al minuto durante il volo, fino a soli 20 al minuto nel letargo), gli atti respiratori (da uno ogni 5 secondi circa in attività, fino a un minimo di uno ogni 90 minuti nel letargo), la temperatura corporea da 35-40 C viene portata intorno a quella del rifugio d'ibernazione (di solito fra +2 e +10C). Svegliarsi significa per il pipistrello riportare tali parametri ai valori necessari per essere attivi e per far ció vengono consumate quantità importanti di riserve lipidiche.
Durante l'inverno peró i pipistrelli (come anche molti altri mammiferi) si svegliano naturalmente già alcune volte e, alla fine del periodo d'ibernazione, avviene poi il risveglio definitivo. È stato calcolato che per tali complessivi risvegli naturali i pipistrelli consumano il 75% dell'energie spese durante l'intero periodo d'ibernazione, 'bruciando' un corrispondente quantitativo di grassi.
E’ per questa ragione che qualsiasi disturbo arrecato ai pipistrelli in questo momento dell’anno puó avere conseguenze drammatiche per la sopravvivenza di questi animali: la presenza umana in un sito di ibernazione (rumore, illuminazione artificiale, rialzo termico) puó portare al risveglio anticipato dei pipistrelli (spesso non percepito dal visitatore perché il processo puó richiedere più di un’ora dal disturbo) con il conseguente consumo troppo rapido delle riserve di grasso corporeo. Disturbi ripetuti nel tempo, possono quindi provocare risvegli anticipati e innaturali che lasciano l’animale privo delle riserve energetiche utili a raggiungere la primavera, momento in cui saranno nuovamente disponibili grandi quantità di insetti, unica fonte alimentare utilizzata da questo gruppo di animali.

SCOIATTOLO ROSSO (Sciurus vulgaris)
Anche lo Scoiattolo fa incetta di cibo con l'avvicinarsi dell'inverno, ma al contrario del ghiro (suo parente più stretto), non cade in letargo ma si adatta alla rigidità del clima modificando il suo stile di vita.
In estate e all’inizio dell’autunno inizia a immagazzinare una grande quantità di cibo in diversi depositi sotterranei, lasciandone alcuni vuoti per depistare eventuali ladri di cibo. All'arrivo dei primi freddi si ritira in un nido all'interno dei tronchi rivestito di foglie e paglia dove trascorre l'inverno.
Tuttavia lo Scoiattolo rosso non cade mai in un sonno profondo, rimane in uno stato di torpore dal quale puó risvegliarsi occasionalmente per uscire e andare a prelevare le provviste nascoste nei vari depositi. Non è raro infatti osservare uno scoiattolo in pieno inverno saltellare da un ramo all’altro di un albero.

TASSO (Meles meles)
Anche il Tasso non cade in vero e proprio letargo. Durante l’inverno la sua attività rallenta dormendo per lunghi periodi ma risvegliandosi spesso per andare alla ricerca di cibo, soprattutto di notte, momento in cui questi animali sono più attivi.
Anche gran parte della sua vita diurna viene trascorsa all’interno della tana. Il Tasso è infatti un abile scavatore grazie ai suoi lunghi artigli e alle zampe corte e robuste. La sua tana è in realtà un complesso di cunicoli e stanze sotterranee organizzati su più piani, a una profondità che puó talvolta raggiungere i 6 metri. Le complesse tane del Tasso presentano poi numerose uscite verso l'esterno.

VOLPI E LUPI
Moltissimi mammiferi in letargo non ci vanno affatto. Volpi e lupi per esempio hanno sviluppato una diversa strategia di sopravvivenza al rigore invernale: in autunno la loro pelliccia si infoltisce funzionando da isolante termico, vengono poi create scorte alimentari seppellendole in piccole buche (come accade per la volpe), si spostano poi verso zone più soleggiate o verso i fondivalle alla ricerca di climi più miti.
La volpe ha poi sviluppato una particolare tecnica di caccia su terreni innevati che le consente, attraverso il suo udito finissimo, di percepire i movimenti di piccoli roditori sotto il manto nevoso. Cattura poi la preda con un agilissimo tuffo nella neve.
Anche i grandi erbivori delle Alpi infine non vanno in letargo. Per Stambecchi, Camosci, Cervi e Caprioli l’inverno rappresenta uno dei momenti più difficili e pericolosi della loro vita. Si tratta del periodo in cui il tasso di mortalità di questi animali aumenta sensibilmente per via delle ridotte disponibilità alimentari, per le rigide temperature e per il rischio di predazione. La sopravvivenza dipende quindi dalla capacità dei singoli individui di trovare versanti più soleggiati, valloni dal clima più mite e di sfruttare al meglio le poche risorse alimentari che il territorio puó ancora offrire in inverno.

* Altri animali come gli scoiattoli volanti o i Colugo (noti anche come Lemuri volanti) non sono veri volatori bensì 'paracadutisti', posseggono infatti strutture membranose che collegano gli arti ma queste, servono solo a rallentare la velocità di caduta dell’animale, non consentono peró di sviluppare un vero volo attivo come nei chirotteri.


Roberto Ostellino

Saluzzo, 9 febbraio 2018

FONTI
FISIOLOGIA DEGLI ANIMALI Regolazione, diversità, adattamento Alessandro Poli Zanichelli Editore
LETARGO E VITA LATENTE art 17 G. Sini Maggio 2009
LA VITA AL RITMO DELLE STAGIONI collana Natura d’Italia De Agostini editore

WEB
centro regionale chirotteri: www.centroregionalechirotteri.org
TRECCANI: http://www.treccani.it/enciclopedia/letargo/
FOCUS: https://www.focus.it/ambiente/animali/il-letargo-come-strategia-per-sopravvivere-14102012?gimg=17949#img17949
WIKIPEDIA: www.wikipedia.org (pagine varie)
IDEAGREEN: https://www.ideegreen.it/animali-che-vanno-in-letargo-81711.html#gshsbBW7MPSstbiJ.99


Invia un commento








Inserisci a fianco il codice di sicurezza :      Codice di sicurezza

Le escursioni del Parco di marzo

A marzo due proposte del Parco del Monviso in collaborazione con l’associazione Vesulus. Si tratta di due weekend immersi nella quiete della valle Varaita alla ricerca di natura e benessere in occasione di due particolari momenti dell’anno: la Festa della Donna e l’Equinozio di Primavera. Entrambe le pro-poste in calendario abbina

Cuneo Montagna Festival

Prenderà il via venerdì 22 febbraio l’11 edizione del Cuneo Montagna Festival, che per il 2019 ha scelto come filo conduttore il tema dell’ 'IM POSSIBILE'.

«La forza del possibile dichiara Lido Riba, Presidente Uncem Piemonte - è quella che ha condotto decine di migliaia di persone a voler da

Venerdì 15 febbraio serata con il CAI Monviso

Venerdì 15 febbraio primo appuntamento con 'Montagna di Sera', rassegna del CAI Monviso Saluzzo che gode del sostegno di Comune di Saluzzo e Parco del Monviso. Il primo ospite del ciclo di incontri sarà Gian Luca Boetti, che proporrà un viaggio sui sentieri delle Isole Minori d’Italia con una coinvolgente proiezione di fo

Le escursioni del Parco del 16 e 17 febbraio

A febbraio due proposte del Parco del Monviso in collaborazione con l’associazione Vesulus: sabato 16 e domenica 17 a Crissolo e Ostana una due giorni di ciaspolate e danze occitane con vista sul Monviso in occasione di San Valentino, e domenica 17 a Pian Munè di Paesana un’escursione pomeridiana per ammirare il tramonto al cospe

100.000 volte!

Una settimana fa abbiamo pubblicato sulla nostra pagina il video che racconta il Parco del Monviso: più di 100.000 persone lo hanno già visto sulla propria home di Facebook in forma organica e il dato continua a salire.
Grazie a tutti per l'apprezzamento: vi invitiamo a scoprire il Parco anche lungo i suoi sentieri ai piedi de

Un importante finanziamento dal Ministero dell'Ambiente per le attività Mab Monviso Unesco

UN FINANZIAMENTO DEL MINISTERO DELL’AMBIENTE PER LE ATTIVITÀ SVOLTE DAL PARCO DEL MONVISO NELL’AMBITO DEL PROGRAMMA MAN AND THE BIOSPHERE UNESCO

Un contributo di 34.000 euro per le attività svolte e relative al piano di gestione e di comunicazione della Riserva della Biosfera.

Con una comunicaz

Musei del Parco - orario invernale

I musei del Parco seguono le stagioni della natura .
Chiusi dopo la stagione estiva il Centro Visite Alevè, il Centro Visite di Pian del Re e il Museo del Piropo di Martiniana Po.

Il Museo dei Fiume Po di Revello è aperto invece tutto l'anno. Ogni domenica, dalle 14,30 alle 18,30 è possibile scoprire i di

LE ANATRE TUFFATRICI - La Moretta comune e il Moriglione

LE ANATRE TUFFATRICI
Alcune anatre sono particolarmente abili nel nuoto subacqueo, si tratta delle cosiddette anatre tuffatrici*, a cui appartengono molte specie tipiche delle regioni nordiche**. Alcune di esse sono anche osservabili alle nostre latitudini, soprattutto nel periodo invernale e tra tutte, la Moretta comune &eg

La Canapiglia (Mareca strepera)

È un’anatra dalle dimensioni simili a quelle del Gemano reale (lunghezza 4656 cm e apertura alare 7890 cm) dal quale si distingue, almeno nel maschio, per il piumaggio dal colore prevalente grigio, con sfumature marrone chiaro e nero. La femmina invece ricorda molto quella del Germano reale ma si distingue da essa per alcuni importan

Fischione (Mareca penelope)

Continuiamo il nostro viaggio nel mondo delle anatre svernanti nel Parco, descrivendo alcune specie piuttosto appariscenti ma decisamente meno frequenti rispetto al Germano reale e all’Alzavola già trattate nei precedenti articoli.
Si tratta di anatre spesso rappresentate soltanto da pochi individui e per nessuna di esse &egrav

Al Parco...giochi e impari! Laboratori didattici per bambini e ragazzi

È in partenza una nuova iniziativa didattica realizzata dal Parco del Monviso in collaborazione con l'associazione di Accompagnatori Naturalistici Vesulus, già responsabile delle attività escursionistiche promosse dal Parco e alla quale è affidata la gestione dei Centri visita dell’Ente.
I destinatari di qu

Alzavola (Anas crecca)

L’alzavola è una piccola e timida anatra, in cui il maschio presenta una vistosa colorazione rosso e verde sul capo e una tipica ed evidente macchia gialla sulla coda. La femmina, come in tutte le altre specie di anatidi, mostra invece un piumaggio mimetico con colori marroni ma puó essere facilmente distinta dalle femmine di a

Il germano reale

Si tratta senza ombra di dubbio dell’anatra più comune e numerosa nella nostra regione e di uno degli animali più noti anche ai non appassionati di Natura. Spesso chiamato semplicemente 'papera', è nell’immaginario comune, l’animale tipico degli ambienti acquatici e ricorre immancabilmente nell’iconograf

Con l’inverno prepariamoci all’arrivo delle anatre!

Nella stagione fredda, laghi, stagni e corsi d’acqua si popolano di un gran numero di uccelli acquatici che diventano assai più numerosi rispetto a tutte le altre stagioni, grazie all’arrivo di individui nordici. Molti uccelli, e in particolare le anatre, fuggono dalle rigide temperature dei loro luoghi di riproduzione. Essi trov

Sul Pellice meno uova di trota marmorata

Sabato 5 gennaio si è tenuta l’annuale passeggiata lungo le sponde del torrente Pellice alla ricerca dei luoghi dove le trote depongono le uova, organizzata dal Parco del Monviso in collaborazione con il Servizio di Tutela della fauna e della flora della Città Metropolitana di Torino.
L’attività didattico-sci

Dal 1 novembre chiude la grotta di Rio Martino

Come ogni anno, da giovedì 1 novembre saranno chiusi i cancelli d’ingresso della Grotta di Rio Martino, cavità naturale poco al di sopra dell’abitato di Crissolo, in valle Po. L’accesso ai visitatori sarà quindi vietato sino al 31 marzo, con possibilità di proroga della chiusura in base alle condizioni

Le proposte di educazione ambientale 2018-19

Giovedì 4 ottobre alle ore 17 il Parco del Monviso presenta, nel contesto di Villa Radicati - Belvedere a Saluzzo, le proposte di educazione ambientale in programma per l’anno scolastico 2018-19.
Come ogni anno, il Parco del Monviso si rivolge alle scuole e al territorio per presentare le tante attività organizzate in nat

Scaricabile la cartina del Parco del Monviso

Dal sito www.parcomonviso.eu è possibile visualizzare e scaricare in formato pdf la cartina del nuovo Parco del Monviso relativo alle Alte Valli Po e Varaita.
E' possibile visualizzare e scaricare l'immagine in formato pdf con la cartina turistica del Parco all'indirizzo: www.parcomonviso.eu/ita/cartine.asp

Parco Naturale del Monviso. Istruzioni per l'uso

COSA È?
Il Parco Naturale del Monviso ed il Sito di Importanza Comunitaria (SIC) 'Gruppo del Monviso e Bosco dell’Alevé' si estendono fra le Valli Po e Varaita, il Parco è stato istituito con Legge Regionale 19/2015, mentre il SIC fa parte di una rete di aree tutelate dalla normativa europea, per una buona parte i

Piemonte Parchi Web Piemonte Parchi Mondi Vicini Sguardi Lontani Meteo Regione Piemonte Ostello del Po Escartons, hommes libres Visita il sito del Po in Piemonte Al Parc Centro Cicogne


Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. Sede : via Griselda, 8 12037 Saluzzo (CN) tel.0175/46505 fax.0175/43710 - protocollo@pec.parcomonviso.eu
P.Iva : 02942350048 - C.F. 02345150045
Orario apertura al pubblico. Dal lunedì al venerdì 8.30 - 12.30

Web Design - 2006 Leonardo WEB s.r.l. - Sito realizzato con il contributo di cui alla L. 135/2001 - "Valorizzazione Turistica del fiume Po".
Informativa Privacy

Ente di gestione delle Aree Protette del Monviso. utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze.
Continuando a navigare accetti l' utilizzo dei cookies, se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente.

Scopri l'informativa e come negare il consenso. Chiudi
Chiudi
x
Utilizzo dei COOKIES
Nessun dato personale degli utenti viene di proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, nè sono utilizzati cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti. L'uso di cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e scompaiono, lato client, con la chiusura del browser di navigazione) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito, evitando il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti, e non consente l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.
L'utilizzo di cookies permanenti è strettamente limitato all'acquisizione di dati statistici relativi all'accesso al sito e/o per mantenere le preferenze dell'utente (lingua, layout, etc.). L'eventuale disabilitazione dei cookies sulla postazione utente non influenza l'interazione con il sito.
Per saperne di più accedi alla pagina dedicata

Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie.
Provvedimento n.229 dell'8 maggio 2014 - pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014.

Consulta il testo del provvedimento